Demansionamento, danno alla professionalità e danno biologico

la Cassazione Civ., Sez. Lavoro, 8 gennaio 2014, n. 172 ha specificato :

il Danno biologico e danno alla professionalità del lavoratore…è di palmare evidenza che le due voci di danno hanno presupposti completamente diversi, essendo uno relativo al fisico del lavoratore, mentre la seconda alla sua professionalità e cioè all’aspetto della sua prestazione e capacità lavorativa.

Del tutto coerente è quindi una pronuncia che riconosca un tipo danno e ne disconosca un altro.

D’altra parte il danno alla professionalità non può essere considerato in re ipsa nel semplice demansionamento, essendo invece onere del dipendente provare tale danno dimostrando, ad esempio, un ostacolo alla progressione di carriera.

La stessa Corte ha più volte affermato che in caso di accertato demansionamento professionale, la liquidazione del danno alla professionalità del lavoratore non può prescindere dalla prova del danno (Cass. 30 settembre 2009 n. 20980).

Il demansionamento consiste nell’assegnazione al lavoratore di mansioni inferiori rispetto alla sua qualifica di appartenenza, o anche nel non assegnare alcuna mansione (può rientrare nell’ambito del mobbing)

avvocati studio legale Imperia Sanremo

Studio legale in Imperia, via Giorgio Des Geneys 8

Il tuo nome

La tua email

Città

Il tuo messaggio