Detenuto e permesso di soggiorno

Lo straniero detenuto in stato di disoccupazione non ha la concreta possibilità di utilizzare il tempo concesso dal Testo Unico Immigrazione al fine di reperire una nuova occupazione (attualmente determinato in un anno) trovandosi in stato di arresto; pertanto il periodo concesso dalla legge inizierà a decorrere dal momento in cui la causa di forza maggiore che determinava l’impedimento sia cessata.

Con la conseguenza che il periodo di un anno concesso dalla legge per il reperimento di una nuova occupazione dovrà iniziare a decorrere dal momento in cui è concretamente cessato lo stato di arresto. Sentenza Tribunale Amministrativo Piemonte 11 aprile 2013

Art 22 TU Immigrazione La perdita del posto di lavoro non costituisce motivo di revoca del permesso di soggiorno al lavoratore extracomunitario ed ai suoi familiari legalmente soggiornanti.

Il lavoratore straniero in possesso del permesso di soggiorno per lavoro subordinato che perde il posto di lavoro, anche per dimissioni, può essere iscritto nelle liste di collocamento per il periodo di residua validità del permesso di soggiorno, e comunque, salvo che si tratti di permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per un periodo non inferiore ad un anno ovvero per tutto il periodo di durata della prestazione di sostegno al reddito percepita dal lavoratore straniero, qualora superiore.

avvocati studio legale Imperia Sanremo

Studio legale in Imperia, via Giorgio Des Geneys 8

Il tuo nome

La tua email

Città

Il tuo messaggio

error: Content is protected !!