Intestare la casa alla badante

Intestare la casa alla badante, quando e come fare

Senza mezzi termini, possiamo aprire il discorso asserendo che una persona anziana può decidere di intestare la propria casa alla badante, conservandone il diritto all’usufrutto. Questo è permesso dalla legge, l’atto sarebbe pienamente valido a patto che l’anziano sia nel pieno delle sue facoltà mentali al momento del rogito e che non abbia situazioni di salute talmente gravi che potrebbe morire a breve.

Quella particolare forma di usufrutto che il soggetto si tiene viene definita dalla legge come rendita vitalizia (o Vitalizio assistenziale). Parliamo di un contratto attraverso cui il proprietario dell’immobile cede la nuda proprietà di una casa ad un altro soggetto, ricevendo in cambio assistenza morale e materiale fino alla sua morte.

La possiamo definire come una vendita dove però non si paga con soldi ma attraverso l’impegno di prestare assistenza fino alla morte. Questo negozio giuridico è riconosciuto dall’ordinamento italiano anche nel caso in cui a beneficiare della vendita sia la badante.

In una recente sentenza del tribunale di Torino si legge che conta soprattutto valutare se colui che cede la nuda proprietà, riservandosi l’usufrutto, sia pienamente lucido e in condizioni di salute stabili.

Cos’è il contratto vitalizio assistenziale

Andando più nel dettaglio, possiamo definire il contratto vitalizio assistenziale come un accorso in cui un soggetto (nel nostro caso la badante) i impegnato a prestare assistenza fisica e morale ad un altro soggetto (nel nostro caso persona anziana) per ricevere in cambio un bene immobile o mobile.

Chi possiede il bene da cedere mantiene tuttavia l’usufrutto (alias nessun può cacciarlo via di casa) ma cede la nuda proprietà. Solo a sua morte, il beneficiario può acquisire la proprietà integrale del bene. Con questo tipo di accordo, gli anziani si assicurano che un soggetto estraneo possa prendersi cura di loro, quando un familiare non è nelle condizioni di (o non vuole) prestare assistenza.

Il contratto ha piena validità anche se quando viene stipulato non si sanno ancora quali saranno un domani le necessità delle persone anziane (fermo restando che si possono presumere in base all’età e alla salute quali potrebbero essere le condizioni future della persona).

Il nudo proprietario dell’immobile, però, avendo accettato di erogare delle prestazioni che possono anche variare col tempo, deve essere cosciente di non potersi poi domani tirare indietro, salvo ovviamente rendersi inadempiente e, in tal caso, perdere la nuda proprietà ed eventualmente risarcire il danno.

Impugnazione del contratto

I parenti dell’anziano possono impugnare il contratto solo in due casi. Uno qualora si possa dimostrare che al momento dell’atto la persona anziana non fosse capace di intendere e di volere.

Un secondo quasi se al momento del rogito l’anziano versava in una situazione di salute talmente grave da poterlo considerare quasi sull’orlo della morte.

Vendere la casa alla bandate è legale

Stando quindi a quanto anche stabilito dalle recenti pronunce giurisprudenziali, è possibile vendere la nuda proprietà della propria casa alla badante, per ricevere assistenza morale e materiale in cambio fino alla morte.

Sarà cioè un vero e proprio contratto valido «in quanto finalizzato a realizzare interessi contrapposti entrambi meritevoli di tutela». La cosa importante è che la morte del beneficiario dell’assistenza – in base alle sue condizioni di salute e all’età – non sia sembrata affatto imminente all’atto della sottoscrizione del contratto.

Vuoi un preventivo della pratica, scrivici

    Il tuo nome

    La tua email

    Città

    Il tuo messaggio


    Una risposta

    1. vuole dare la casa ha detto:

      Siamo uno coppia stranieri, c’è una signora vuole assistenza fine alla sua morte sta in condizioni buon di salute vuole dare la casa in cambio di assistenza. per non essere bloccato dai parenti come devo procedere per andare sicuro deve fare un testamento o un contratto gentilmente

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    error: Content is protected !!