Stop alle vendite di pellicce in Israele

L’Israele proibisce la vendita di pellicce

L’Israele proibisci la vendita di pellicce, questa per gli amanti è stata una grande vittoria, dopo giorni, mesi, anni di torture che, hanno subito centinaia di animali i quali, sono stati messi in situazioni che, non potevano difendersi per scampare alla morte brutalità dell’uomo, oggi questi animali dai loro mantelli pregiati possono stare tranquilli.

Vietata la vendita di pellicce in Israele

Il ministro dell’Ambiente israeliano Gila Gamliel ha firmato una clausola che vieta la vendita di pellicce. Israele è stato il primo paese a introdurre un tale divieto.

“L’industria delle pellicce ha causato la morte di centinaia di milioni di animali in tutto il mondo e ha causato indescrivibili crudeltà e sofferenze”, ha affermato Gila Gamliel, ministro della protezione ambientale, in una dichiarazione dopo aver firmato l’emendamento alla legge attuale.

Gila Gamliel, ministro della protezione ambientale

“L’uso della cute di animali selvatici e le pellicce della fauna selvatica per l’industria della moda, è disonesto ed è certamente inutile. Le pellicce di animali non possono nascondere la brutale industria degli omicidi che produce. La firma di questi regolamenti renderà la moda israeliana più rispettosa dell’ambiente e degli animali”.

Il divieto è entrato in vigore sei mesi dopo la firma del documento, dicembre 2021. Allo stesso tempo, il paese può ancora utilizzare la pelliccia per scopi scientifici, educativi e religiosi. In particolare, riguarda la tradizione degli ebrei Haredi, che indossano spesso berretti di cuoio chiamati shtreimel, quindi, questa è l’unica eccezione.

Israele è diventato il primo paese al mondo a vietare il commercio di pellicce

L’organizzazione israeliana per i diritti degli animali Animals Now ha definito questa decisione una “Pietra miliare storica” ​​che potrebbe salvare “Innumerevoli animali dall’inferno dell’industria delle pellicce”. Secondo l’organizzazione, l’86% degli israeliani sostiene il divieto di vendita di pellicce. Dal 2009, l’International Anti-Fur Federation (IAFC) ha chiesto tale divieto di vendita di pellicce in Israele, e ora Israele è diventato il primo paese al mondo a vietare il commercio di pellicce.

Anche l’organizzazione per il benessere degli animali PETA ha elogiato la mossa come una “Vittoria storica” ​​e ha scritto su Twitter che; “Proteggerà innumerevoli volpi, visoni, conigli e altri animali dall’essere uccisi violentemente per la scuoiatura”. La mossa per vietare il commercio di pellicce ha reso Israele il primo paese al mondo a farlo, anche se la California negli Stati Uniti ha vietato la vendita di pellicce all’industria della moda già nel 2019.

Stop alle pellicce macchiate di sangue in Israele

Oggi, finalmente tutte le donne, tutte le signore benestanti e le vip di Israele, non avranno nel loro guardaroba e non acquisteranno più, per poi indossare orgogliose le pellicce di animali macchiate di sangue. Ora ha vinto la giustizia che, ama e protegge la vita degli animali i quali hanno il loro mantello pregiato.

Ora io mi pongo una sola domanda, quelle donne che diversi anni prima hanno comprato una bellissima e morbida pelliccia, in Israele avranno ancora il coraggio di indossarla? Io mi auguro che avranno un minimo di buon senso e la conserveranno in una custodia per abiti.

Sintesi a cura dello Studio legale

avvocati studio legale Imperia Sanremo

Studio legale in Imperia, via Giorgio Des Geneys 8

    Il tuo nome

    La tua email

    Città

    Il tuo messaggio


    error: Content is protected !!