Unioni Civili : Regolamento per la tenuta dei registri nell’archivio dello stato civile

Unioni civili, il decreto diventa effettivo

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 28 luglio le unioni civili sono un dato di fatto e ci si può già prenotare per le prime cerimonie

Giovedì 28 luglio sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto con le disposizioni transitorie obbligatorie per i registri nell’archivio dello stato civile e quindi le unioni civili sono ormai un dato di fatto.

Complessivamente sono undici articoli che permettono a chiunque di unirsi civilmente in maniera praticamente immediata, in attesa che entrino in vigore i decreti operativi previsti dalla legge 76/2016.

In ogni caso il legame verrà riscritto nei Registri provvisori, istituiti presso tutti gli uffici comunali predisposti. Le disposizioni del regolamento verranno applicate fino all’entrata in vigore dei decreti legislativi previsti dalle legge 76, verosimilmente a metà agosto.

Apprezzato soprattutto che il Consiglio dei Ministri abbia ascoltato il Consiglio di Stato saltando i consueti quindici giorni che intercorrono fra la pubblicazione e l’entrata in vigore del dispositivo, rendendolo così immediatamente operativo.

Ecco perché da oggi, 29 luglio, tutte le coppie che lo desiderano possono rivolgersi in qualunque comune italiano per svolgere le pratiche che porteranno a celebrare la loro unione civile. Adesso la palla passa al Ministero degli Interni che dovrà far arrivare negli uffici comunali preposti i formulari necessari, ma ormai la riforma è partita.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 luglio 2016, n. 144

Regolamento recante disposizioni transitorie necessarie per la tenuta
dei registri nell’archivio dello stato civile, ai sensi dell’articolo 1, comma 34, della legge 20 maggio 2016, n. 76.
(Gazzetta Ufficiale n.175 del 28-7-2016)
Vigente al: 29-7-2016

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 20 maggio 2016, n. 76, recante «Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze»;

Visto in particolare l’articolo 1, comma 34, della legge n. 76 del 2016 che prevede che con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno, sono stabilite le disposizioni transitorie necessarie per la tenuta dei registri nell’archivio dello stato civile nelle more dell’entrata in vigore dei decreti legislativi di cui allo stesso articolo 1, comma 28, lettera a) ;
..
il seguente regolamento :

Art. 1
Richiesta di costituzione dell’unione civile

1. Al fine di costituire un’unione civile, ai sensi della legge 20 maggio 2016, n. 76, di seguito denominata legge, due persone maggiorenni dello stesso sesso fanno congiuntamente richiesta all’ufficiale dello stato civile del comune di loro scelta.
2. Nella richiesta ciascuna parte deve dichiarare :
a) il nome e il cognome, la data e il luogo di nascita; la cittadinanza; il luogo di residenza;
b) l’insussistenza delle cause impeditive alla costituzione dell’unione di cui all’articolo 1, comma 4, della legge.
3. L’ufficiale dello stato civile, verificati i presupposti di cui al comma 1, redige immediatamente processo verbale della richiesta e lo sottoscrive unitamente alle parti, che invita, dandone conto nel verbale, a comparire di fronte a se’ in una data, indicata dalle parti, immediatamente successiva al termine di cui all’articolo 2, comma 1, per rendere congiuntamente la dichiarazione costitutiva dell’unione.
4. Se una delle parti, per infermità o altro comprovato impedimento, è nell’impossibilità di recarsi alla casa comunale, l’ufficiale si trasferisce nel luogo in cui si trova la parte impedita e riceve la richiesta di cui al presente articolo, ivi presentata congiuntamente da entrambe le parti.

Art. 2
Verifiche

1. Entro quindici giorni dalla presentazione della richiesta, l’ufficiale dello stato civile verifica l’esattezza delle dichiarazioni di cui all’articolo 1, comma 2, e può acquisire d’ufficio eventuali documenti che ritenga necessari per provare l’inesistenza delle cause impeditive indicate nell’articolo 1, comma 4, della legge.
2. Ai fini di cui al comma 1 l’ufficiale adotta ogni misura per il sollecito svolgimento dell’istruttoria e può chiedere la rettifica di dichiarazioni erronee o incomplete nonché l’esibizione di documenti.
3. Se e’ accertata l’insussistenza dei presupposti o la sussistenza di una causa impeditiva, l’ufficiale ne da’ a ciascuna delle parti immediata comunicazione.

Art. 3
Costituzione dell’unione e registrazione degli atti nell’archivio
dello stato civile

1. Le parti, nel giorno indicato nell’invito, rendono personalmente e congiuntamente, alla presenza di due testimoni, avanti all’ufficiale dello stato civile del comune ove e’ stata presentata la richiesta, la dichiarazione di voler costituire un’unione civile.
Nella dichiarazione le parti confermano l’assenza di cause impeditive di cui all’articolo 1, comma 4, della legge.
2. L’ufficiale, ricevuta la dichiarazione di cui al comma 1, fatta menzione del contenuto dei commi 11 e 12 dell’articolo 1 della legge, redige apposito processo verbale, sottoscritto unitamente alle parti e ai testimoni, cui allega il verbale della richiesta.
3. La registrazione degli atti dell’unione civile, costituita ai sensi del comma 2, e’ eseguita mediante iscrizione nel registro provvisorio delle unioni civili di cui all’articolo 9. Gli atti iscritti sono inoltre oggetto di annotazione nell’atto di nascita di ciascuna delle parti. A tal fine, l’ufficiale che ha redatto il processo verbale di cui al comma 2 lo trasmette immediatamente al comune di nascita di ciascuna delle parti, conservandone l’originale nei propri archivi.
4. Nella dichiarazione di cui al presente articolo le parti possono rendere la dichiarazione di scelta del regime patrimoniale della separazione dei beni ai sensi dell’articolo 1, comma 13, della legge.
5. La mancata comparizione, senza giustificato motivo, di una o di entrambe le parti nel giorno indicato nell’invito equivale a rinuncia. L’ufficiale redige processo verbale, sottoscritto anche dalla parte e dai testimoni ove presenti, e lo archivia unitamente al verbale della richiesta nel registro provvisorio.
6. Se una delle parti, per infermità o per altro comprovato impedimento, e’ nell’impossibilita’ di recarsi alla casa comunale, l’ufficiale si trasferisce nel luogo in cui si trova la parte impedita e, ivi, alla presenza di due testimoni, riceve la dichiarazione costitutiva di cui al presente articolo.
7. Nel caso di imminente pericolo di vita di una delle parti l’ufficiale dello stato civile riceve la dichiarazione costitutiva anche in assenza di richiesta, previo giuramento delle parti stesse sulla sussistenza dei presupposti per la costituzione dell’unione e sull’assenza di cause impeditive di cui all’articolo 1, comma 4, della legge.

Art. 4
Scelta del cognome comune

1. Nella dichiarazione di cui all’articolo 3, le parti possono indicare il cognome comune che hanno stabilito di assumere per l’intera durata dell’unione ai sensi dell’articolo 1, comma 10, della legge. La parte può dichiarare all’ufficiale di stato civile di voler anteporre o posporre il proprio cognome, se diverso, a quello comune.
2. A seguito della dichiarazione di cui al comma 1 i competenti uffici procedono alla annotazione nell’atto di nascita e all’aggiornamento della scheda anagrafica.

Art. 5
Unione costituita a seguito della rettificazione di sesso di uno dei
coniugi

1. I coniugi che, a seguito della rettificazione di sesso di uno di loro, intendano avvalersi di quanto disposto dall’articolo 1, comma 27, della legge, rendono personalmente apposita dichiarazione congiunta all’ufficiale dello stato civile del comune nel quale fu iscritto o trascritto l’atto di matrimonio.
2. Per l’eventuale scelta del cognome comune si applica l’articolo 4.
3. Gli atti dell’unione civile di cui al presente articolo sono annotati nell’atto di matrimonio delle parti e nei relativi atti di nascita.

Art. 6
Scioglimento dell’unione civile per accordo delle parti

1. L’accordo delle parti concluso, ai sensi dell’articolo 12 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, convertito, con modificazioni, dalla legge 10 novembre 2014, n. 162, ai fini dello scioglimento dell’unione civile e’ ricevuto dall’ufficiale di stato civile del comune di residenza di una delle parti o del comune presso cui e’ iscritta o trascritta la dichiarazione costitutiva dell’unione. L’accordo e’ iscritto nel registro provvisorio delle unioni civili ed e’ annotato negli atti di nascita di ciascuna delle parti, a cura dei competenti uffici.

2. L’accordo raggiunto a seguito della convenzione di negoziazione assistita, conclusa ai sensi dell’articolo 6 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, convertito, con modificazioni, dalla legge 10 novembre 2014, n. 162, deve essere trascritto nel registro provvisorio delle unioni civili ed annotato negli atti di nascita di ciascuna delle parti, a cura dei competenti uffici. 

3. Qualora lo scioglimento abbia ad oggetto l’unione civile costituita con le modalità di cui al precedente articolo 5, lo scioglimento e’ annotato anche nell’atto di matrimonio delle parti. 

4. Ai fini dello scioglimento di cui all’articolo 1, comma 24, della legge, si osservano, in quanto compatibili, le disposizioni del presente articolo.

Art. 7
Documento attestante la costituzione dell’unione

1. Spetta all’ufficiale dello stato civile il rilascio del documento attestante la costituzione dell’unione, recante i dati anagrafici delle parti, l’indicazione del regime patrimoniale e della residenza, oltre ai dati anagrafici ed alla residenza dei testimoni ai sensi dell’articolo 1, comma 9, della legge.

2. Nei documenti e atti in cui è prevista l’indicazione dello stato civile, per le parti dell’unione civile sono riportate, a richiesta degli interessati, le seguenti formule: «unito civilmente» o «unita civilmente».

Art. 8
Trascrizioni e nulla osta

1. Sono trascritte negli archivi dello stato civile le unioni civili costituite all’estero secondo la legge italiana davanti al capo dell’ufficio consolare, competente in base alla residenza di una delle due parti.
2. Lo straniero che vuole costituire in Italia un’unione civile deve presentare all’ufficiale dello stato civile, nella richiesta di cui all’articolo 1, anche una dichiarazione dell’autorità competente del proprio Paese dalla quale risulti che, giusta le leggi cui è sottoposto, nulla osta all’unione civile.
3. Nelle more dell’adozione dei decreti legislativi di cui all’articolo 1, comma 28, lettera a), della legge gli atti di matrimonio o di unione civile tra persone dello stesso sesso formati all’estero, sono trasmessi dall’autorita’ consolare, ai sensi dell’articolo 17 del decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 2000, n. 396, ai fini della trascrizione nel registro provvisorio di cui all’articolo 9.

Art. 9
Registro provvisorio delle unioni civili e formule
1. E’ istituito presso ciascun comune il registro provvisorio delle unioni civili.
2. Gli atti di stato civile di cui al presente decreto sono redatti secondo le apposite formule da approvare con decreto del Ministro dell’interno, ai sensi dell’articolo 12 del decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 2000, n. 396, adottato entro il termine  di cinque giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

Art. 10
Disposizioni finali

1. Le disposizioni del presente regolamento si applicano fino all’entrata in vigore dei decreti legislativi previsti nell’articolo 1, comma 28, della legge.
2. All’attuazione delle disposizioni del presente regolamento si provvede con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Art. 11
Entrata in vigore
1. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Roma, 23 luglio 2016

Approfondimento : permesso di soggiorno e unioni civili

avvocati studio legale Imperia Sanremo

Studio legale in Imperia, via Giorgio Des Geneys 8

Il tuo nome

La tua email

Città

Il tuo messaggio

error: Content is protected !!