Riders e infortuni sul lavoro

Riders e infortuni sul lavoro: la nuova disciplina

Dopo che, a partire da febbraio 2020, finalmente anche i riders si sono visti riconoscere il diritto alla copertura assicurativa obbligatoria del lavoro (l’INAIL ha esteso l’obbligo di copertura anche ai ciclofattorini), adesso ci sono nuove modalità per la denuncia e la comunicazione di sinistro o di malattia professionale, anche per queste categorie professionali.

La definizione di Rider

Ricordiamo che, per rider, si intende, secondo la normativa vigente, un lavoratore autonomo che svolge un lavoro di consegna di beni ad altri, in ambito urbano, utilizzando come strumento di locomozione velocipedi, veicoli o motore, e sempre per mezzo di piattaforme digitali.

A partire da febbraio del 2021, le procedure telematiche previste per la denuncia di infortunio e di malattia professionale all’INAIL riguardano anche i c.d. riders, ovvero i lavoratori che si occupano di trasporto cibo su strada, ma anche i lavoratori in smart working, gli studenti con alternanza scuola lavoro e i percettori del reddito di cittadinanza.

La procedura on line dell’INAIL

L’INAIL stesso ha precisato l’estensione delle procedure di denuncia on line per le predette categorie al 2 febbraio 2021.

Il sistema telematico INAIL dal 3 febbraio 2021 accoglie quindi anche le denunce di infortunio o malattia professionale che provengono da queste forme di lavoro, inclusi quindi coloro che percepiscono RdC (se l’infortunio o la malattia avviene nel periodo in cui stanno svolgendo lavori utili alla collettività), i rider, coloro che lavorano da remoto, studenti in scuola-lavoro.

L’utilizzo del sistema informatico INAIL per effettuare le denunce in questione è stato predisposto per consentire di inoltrare le comunicazioni in questione (infortunio, denuncia, denuncia di malattia professionale) per il numero più ampio di categorie di lavoratori possibile, cercando anche di includere, con questa ultima disposizione, quelle categorie lavorative che sono abbastanza recenti (ad esempio appunto rider), appena formatosi nel panorama del lavoro italiano.

Come e quando inviare la comunicazione

I riders quindi si vedono estesa la possibilità di avere diritto alla denuncia online. Ricordiamo che è l’impresa a poter effettuare, per mezzo del sistema telematico INAIL, una denuncia online che può essere per una delle seguenti ipotesi:

  • comunicazione di infortunio;
  • denunce di malattia professionale;
  • denuncia di infortunio.

Per poterlo fare, è sufficiente accreditarsi (esiste una guida aggiornata che consente di farlo comodamente, ed è presente online assieme al manuale utente).

Dopo di che si può effettuare, seguendo la procedura indicata, la denuncia. A partire da ottobre 2021, per l’accesso al sistema telematico è fondamentale essere in possesso di credenziali SPID o CIE/CNS.

La comunicazione di infortunio, la denuncia di infortunio e la comunicazione della malattia professionale

Ricordiamo che la comunicazione di infortunio va mandata dall’azienda solo per eventi che comportano l’astensione dal lavoro per un giorno, senza calcolare quello stesso dell’infortunio, e fino ad un massimo di tre giorni.

La comunicazione di infortunio va mandata, anche per queste categorie di lavoratori, entro 48 ore dal momento in cui il datore riceve il certificato medico.

Diversa dalla comunicazione di infortunio è la denuncia di infortunio: essa comporta un’assenza dal lavoro di più di tre giorni, senza calcolare quello dell’infortunio stesso, e va inviato entro due giorni da quando si riceve il certificato medico, o 24 ore, in caso di morte o pericolo di morte.

La comunicazione della malattia professionale va inviata telematicamente all’INAIL, invece, entro 5 giorni dalla comunicazione del manifestarsi della malattia da parte del lavoratore.

È necessario che la comunicazione o la denuncia siano inviate entro i termini indicati dall’INAIL, altrimenti si possono subire delle sanzioni anche pesanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!